venerdì 21 aprile 2017

Corso di Sketching di Primavera - Università del Garda - Desenzano
















 Sketching al Parco del Laghetto di Desenzano:

 quando tutti dopo la lezione di tecnica si sono sparsi in giro  a sketcciare,
 ognuno solo  con se stesso. Siamo all'ultimo incontro e l'esclamazione è:
di già??
 che peccato!
 ed ora che facciamo?
Semplice... ci troviamo come l'anno scorso una volta al mese  in campo.


AMICI DI SKETCHING
la prossima data è  
domenica 7 maggio

Tenetevi liberi che adesso organizziamo

mercoledì 19 aprile 2017

Seduzione Repulsione - Castello di Desenzano - Sketching alla Mostra

 La Mostra è finita ed ha raggiunto già la sua nuova destinazione: 
Villa Pisani Bolognesi Scalabrin .
Noi volontari dell'Airone Rosso aiutati dal gruppo "Amiche dell'Airone Rosso "abbiamo accolto i visitatori e le scuole.
 Una bellissima esperienza  di contatto umano e di accrescimento scientifico.


 La mostra era disposta nelle sale al pian terreno del magnifico Castello di Desenzano e al primo piano era stato disposto uno spazio attrezzato con tavoli  per lo sketching botanico.
Gli studenti si sono avvicendati a disegnare soggetti naturali con grande soddisfazione, rivelando così quanto sia importante osservare dal vero, dedurre e trasferire su carta.
Anche visitatori adulti si sono seduti ed hanno goduto del tempo lento e calmo del disegnare.





giovedì 23 marzo 2017

Audio Rai.TV - Radio3 Scienza - Una nota di verde

Audio Rai.TV - Radio3 Scienza - Una nota di verde

 il neurobiologo vegetale Stefano Mancuso e il musicista Vittorio Cosma
in Botanica. L’universo vegetale tra scienza e musica.

mercoledì 1 marzo 2017

"Seduzione Repulsione, quello che le piante non dicono"la splendida mostra ideata dalla Rete degli Orti Botanici della Lombardia approda in Castello Desenzano

























Un modo nuovo ed appassionante per conoscere il sorprendente
"mondo verde"
osservandolo da un punto di vista tutto particolare, quello delle piante stesse.

convegni, TAvole bOtAniche, un tavolo di sKetching dal vero,
un'installazione di lavori di allievi di BreRA................

TI ASPETTO

domenica 22 gennaio 2017

IL PENNELLO ERADICATOR . UTILIZZO


BEN RITROVATI IN QUESTO NUOVO ANNO!

Perchè non disegnare un bel carciofo visto che è la sua stagione?
Quando vado a fare la spesa da Fiore che coltiva  biodinamico e vende i suoi prodotti direttamente in cascina, vengo sempre presa dal fascino della perfezione di alcuni vegetali. Ad essere sincera tutto mi affascina: il colore,  la perfetta simmetrica, la varietà, la texture, il profumo .
Posso dire che è meglio che andare a fare shopping! molto ma molto più emozionante.
Penso sempre che mangiando questi prodotti le mie cellule si nutrono di perfezione. Non che io desideri diventare perfetta anzi.... mi piace molto essere sfaccettata, ma mangiare consapevoli del cibo è anche onorare la Natura.
I colori che ho usato sono i Daniel Smith : 
per il verde Hansa Yellow e French Ultramarine, per il viola Quinacridone Rose 
In questo lavoro ho utilizzato per la prima volta il pennello ERADICATOR. 
Cosa ha di speciale questo nuovo pennello? 
Lo spessore dei peli è grosso alla base e si assottiglia in punta.
Questo permette di asportare il colore sia bagnato che asciutto, creando righe ben definite.
Nel carciofo potete vederle chiaramente : la nervatura centrale di ogni brattea e il bordo delle medesime.
E' veramente utile e lo consiglio.
In Italia non l'ho ancora trovato.
Eradicator fa parte  del materiale che Mindy Light Thipe indica nei suoi ottimi  corsi on line.




mercoledì 21 dicembre 2016

NATALE 2016


Ritrovare ciò che da anni caratterizza i giorni tranquilli del vivere con i propri cari, rende il Natale sereno: come se la vita si fermasse ad ascoltare il solito ritmo e tirasse un respiro di sollievo nello scoprire che il Natale è sempre la riconcigliazione col volersi bene.

BUON NATALE 

sabato 3 dicembre 2016

BIODIVERSI di Stefano Mancuso e Carlo Petrini

Questo libro non è un racconto ma un dialogo tra due amici che pur venendo da ambiti diversi, Mancuso dalla biologia e Petrini ideatore, promotore di importanti movimenti ed associazioni, si confrontano su due temi  importanti quali:
  • difesa della DIVERSITA'  (in Naura e nel gusto del cibo)
  • il TEMPO ( qualità e percezione )
La diversità non riguarda solo la biodiversita delle specie arboree ma e soprattutto quella dell'organizzazione dei sistemi di vita della natura. Mancuso afferma che l'uomo realizza la sua attività con una impostazione gerarchica verticale ispirandosi al suo corpo fisico che è comandato dal cervello, Gli organismi vegetali  che sono costituiti da una serie di moduli che si ripetono, non hanno un'organizzazione centralizzata come noi, per cui possono in determinate condizioni sopravvivere  autonomamente agli eventi più come una colonia di insetti che come un individuo singolo.
Petrini dal canto suo, racconta che dopo essersi reso conto che un movimento che si struttura con logiche identiche a quelle del corpo umano  comincia a morire proprio in quel momento e che  invece  se sviluppa possibilità diverse su ogni territorio, ogni singolo gruppo potrà vivere secondo la propria creatività, il che lo rende vivo ed attuante. Ecco della sua scelta di una struttura orrizzontale a moduli che possono vivere e sopravvivere autonomamente.

Il tempo esaminato con occhi nuovi porta a delle considerazioni particolari.  Avete mai osservato come noi umani, che abbiamo tempi veloci, consideriamo ciò che ha un tempo più lento del nostro? ciò che ha un tempo lento ci sembra immobile, quasi senza vita. Solo oggi con le riprese  time lapse possiamo gustarci la vita delle piante, osservandone il  nascere, il fiorire, eccetera. Accellerare i loro movimenti ci permette di vederli ed aprezzare la loro vita  che non è assolutamente statica. Slow food già nel nome ci spiega la qualità del movimento e la sua creatività.

Tanti sono gli spunti di riflessione che giungono al lettore che,  non potendo intervenire direttamente, dice la sua a se stesso e con grande onestà può cogliere l'occasione per andare verso il nuovo.
DA LEGGERE