sabato 3 dicembre 2016

BIODIVERSI di Stefano Mancuso e Carlo Petrini

Questo libro non è un racconto ma un dialogo tra due amici che pur venendo da ambiti diversi, Mancuso dalla biologia e Petrini ideatore, promotore di importanti movimenti ed associazioni, si confrontano su due temi  importanti quali:
  • difesa della DIVERSITA'  (in Naura e nel gusto del cibo)
  • il TEMPO ( qualità e percezione )
La diversità non riguarda solo la biodiversita delle specie arboree ma e soprattutto quella dell'organizzazione dei sistemi di vita della natura. Mancuso afferma che l'uomo realizza la sua attività con una impostazione gerarchica verticale ispirandosi al suo corpo fisico che è comandato dal cervello, Gli organismi vegetali  che sono costituiti da una serie di moduli che si ripetono, non hanno un'organizzazione centralizzata come noi, per cui possono in determinate condizioni sopravvivere  autonomamente agli eventi più come una colonia di insetti che come un individuo singolo.
Petrini dal canto suo, racconta che dopo essersi reso conto che un movimento che si struttura con logiche identiche a quelle del corpo umano  comincia a morire proprio in quel momento e che  invece  se sviluppa possibilità diverse su ogni territorio, ogni singolo gruppo potrà vivere secondo la propria creatività, il che lo rende vivo ed attuante. Ecco della sua scelta di una struttura orrizzontale a moduli che possono vivere e sopravvivere autonomamente.

Il tempo esaminato con occhi nuovi porta a delle considerazioni particolari.  Avete mai osservato come noi umani, che abbiamo tempi veloci, consideriamo ciò che ha un tempo più lento del nostro? ciò che ha un tempo lento ci sembra immobile, quasi senza vita. Solo oggi con le riprese  time lapse possiamo gustarci la vita delle piante, osservandone il  nascere, il fiorire, eccetera. Accellerare i loro movimenti ci permette di vederli ed aprezzare la loro vita  che non è assolutamente statica. Slow food già nel nome ci spiega la qualità del movimento e la sua creatività.

Tanti sono gli spunti di riflessione che giungono al lettore che,  non potendo intervenire direttamente, dice la sua a se stesso e con grande onestà può cogliere l'occasione per andare verso il nuovo.
DA LEGGERE



venerdì 25 novembre 2016

Airone schistaceo. Oasi San Francesco. estate 2015



Nell'estate del 2015 uno strano airone venne a vivere all'Oasi San Francesco di Desenzano di cui faccio parte come volontaria. Avevo scattato questa foto dal capanno di osservazione.


Mi piaceva molto osservarlo:
piume nero lavagna, taglia media tra l'airone cinerino e la garzetta, 2 lunghe penne sulla testa
Un bel carattere schietto del tipo: qui sono arrivato e qui vivo in sintonia con l' ambiente, gli altri devono rispettarmi e fare come dico io.!!
Un tipaccio!!
Ricordandolo mi sono ispirata. Con la grafite ho reso omaggio alla sua bellezza dominante: 
infatti guardando il disegno l'occhio  casca su di lui.
Questanno non è tornato. 
Anche se mi dispiace, lo immagino felice in giro per il mondo perchè emigra ogni anno dal nord Africa al sud Italia.
Chissà come mai era giunto fino a qui? forse in cerca di frescura?

sabato 19 novembre 2016

SKETCH DI FRUTTO DI GLICINE, SEMI DI AILANTO E CIPOLLA


Quando arriva questa stagione e comincio a stare in casa, cerco sempre di mettere ordine tra il materiale vario che ho raccolto in giro.
 Ordine che realizzo riunendo per tipologia: semi, foglie, frutti, galle, stranezze varie con qualche eccezione del tipo: tutto ciò che riguarda una species.
Ed ecco che alcune  bellezze mi prendono per..." la matita" e via in un pomeriggio di nebbia , sono felice al calduccio e come una formichina lavoro, lavoro e lavoro.

La membrana che cade quando il bellissimo fiore di cipolla esplode  viene da Fiore, che coltiva buonissime verdure biologiche e dal quale vado a fare spesa ogni settimana.  Mi riprometto sempre di fare ritratti delle sue verdure dai colori accesi.
Le samare di Ailanto, nota pianta invasiva, vengono dai dintorni.
Il seme aperto di glicine viene da una pergola che c'è in un punto in Todeschino. 
Tutte le volte che passo di lì e vedo i suoi frutti verdi vellutati non restito, anche se ne ho già, devo assolutamente prenderne per la sensazione tattile: mi ricorda il velluto di un mio vestito da piccola
Che dire:
 tesori locali. 

domenica 2 ottobre 2016

SKETCHING ALL'UNIVERSITA' DEL GARDA - DESENZANO - ANNO ACCADEMICO 2016-2017


Ti interessa lo sketching?


Se sai già disegnare inizia un corso advance di sketching presso
 l'Università del Garda.
Ogni giovedì alle ore 15,  dal 20 ottobre pv . 

Iscrizioni : martedì 11 e giovedì 12 presso la Sala Brunelli del Comune,
 in via Carducci 4,Desenzano 
per info Ufficio Cultura  tel. 030 9994275

Se invece non sai ancora disegnare, ma vuoi imparare, il corso per te inizia
martedi 21 marzo.
 Iscrizioni 9/10 gennaio 2017



mercoledì 28 settembre 2016

BIG DRAW A PADENGHE

Big Draw coi bambini è stato un bellissimo incontro.
 Nel silenzio del giardino della biblioteca di Padenghe abbiamo disegnato sul grande foglio e scoperto con gioia che i genitori si divertono come i loro bambini a disegnare tutti insieme. 

E' nata anche una piccola storia :
una bambina voleva disegnare una zucca, ma la zucca sta nell' orto ! 
Cosa fare allora?? 
Inventare che una pianta di zucca voleva vivere non nell'orto, ma all'aperto nel prato dove poteva spingere i suoi germogli lontani, liberamente.
Desiderava esplorare intorno, non starsene annoiata ferma vicino alla rete. 
Fu così che si infilò nei buchi della rete
Quando trovò il punto giusto fece crescere un bel fiore che, visitato da un insetto, si traformò nella zucca del prato!!

Le farfalle ed il riccio andarono a vedere cosa succedeve in campo e tutti furono felici dell'avvenimento!


 anche un girasole girò la sua testa per osservare!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

lunedì 19 settembre 2016

BIG DRAW ALL'OASI SAN FRANCESCO IERI


  Sono sopresa per il successo che ha avuto ieri il
 BIG DRAW  di SKETCHING BOTANICO DAL VERO  all' OASI SAN FRANCESCO.
 Mi aspettavo partecipazione, ma così tante persone venute a disegnare ...........
Ho capito che la mia convinzione che il disegno in natura è per tutti, è giusta: genitori con bambini, sketchers , adolescenti, giovani studenti, persone di tutte le età, sia uomini che donne.



 Ci ho creduto e continuo a credere che lo sketching fa la differenza!!!



 Quelli già sketchers si sono subito messi alla ricerca del loro soggetto e sparsi hanno iniziato a disegnare.




Gli altri hanno ascoltato  la storia e l'introduzione allo sketching. Tutti comunque erano rilassati, partecipi ed affascinati.







anche chi pensava di non saper disegnare ha toccato con mano che è possibile farlo :
il disegno è come la musica
SI IMPARA


GRAZIE GRAZIE GRAZIE 
A TUTTI
ALLA PROSSIMA







venerdì 9 settembre 2016

BIG DRAW a Padenghe - Aggiornamento

"Disegnamo insieme un prato fiorito" 
è stato spostato al
 24 SETTEMBRE p.v.
 stesso orario stesso luogo