mercoledì 24 aprile 2019

ARTE BOTANICA IN VACANZA A SIRMIONE - ESTATE 2019


L'estate 2019 offre a tutti l'opportunità  di fare arte botanica nella bellissima penisola di Sirmione:

SKETCHING ogni MERCOLEDI da GIUGNO  a SETTEMBRE
un pomeriggio di affascinazione ed osservazione in giardino

ARTE BOTANICA  a tema 

  • giugno dal 17 al  21  - fiori e foglie, disegno base ed introduzione all'acquerello
  • luglio dal 15 al 19 -  fiori e foglie, disegno base ed introduzione all'acquerello
  • agosto dal 12 al 16 - frutta e verdura
  • settembre dal 16 al 20 - ritratti di specie botaniche

Avrai il materiale necessario a disposizione.



ci ospiterà nella sala estiva aperta nel giardino



per info e prenotazioni   visita




VI ASPETTO !!

https://goo.gl/maps/LyvxriicTqwVaqQw6

sabato 13 aprile 2019

GLI ALBERI HANNO UN NOME, IMPARIAMO A RICONOSCERLI, laboratorio in natura


SABATO 13 APRILE ORE 14,30  Salò, Renzano  Santuario Madonna del Rio

SABATO 27 APRILE ORE 14,30 Desenzano, Parco del Laghetto

LAGO DI GARDA SOSTENIBILE 
LACUS

Tutti noi dipendiamo dalle piante: ne ricaviamo ossigeno, alimenti, farmaci e molti prodotti industriali, dal legno alle fibre. Tutti sappiamo dei doni che gli alberi fanno alla vita umana sulla terra e di quanto essi siano indispensabili. Li conosciamo? Per capire i loro doni è importante saperli riconoscere e dare loro un nome. Lo scopo di questo laboratorio è proprio imparare il nome degli alberi. Non è necessario imparare mnemonicamente, poiché il contatto diretto con il soggetto, lascia in noi tracce indelebili di ciò che abbiamo vissuto. Il laboratorio è progettato per il diretto contatto con gli alberi. I partecipanti dopo aver raccolto le foglie che più li hanno attirati per colore o forma, le disegnano e attraverso l’uso di un semplice metodo, risalgono all’albero da cui sono cadute e ne imparano il nome. Un percorso facile che ognuno di noi crea secondo ciò che a lui piace ed affascina. Quando si è arrivati alla meta, racconteremo agli altri “il proprio albero”.

VI ASPETTO!

laboratorio depositato su proofy.co

giovedì 28 marzo 2019

The Botanical Artist Journal of the American Society of Botanical Artists - Marzo 2019



Vorrei ringraziare Nancy Milford e l'American  Society of Botanical Artists per questo articolo dove viene raccontata la mia collaborazione con l'Orto Botanico G.E. Ghirardi di Toscolano Maderno.
Ringrazio anche la Dr Gelsomina Fico dell'Università degli Studi di Milano che mi offre sempre nuove esperienze di studio di piante e  di incontri con i suoi studenti.
Proprio durante una giornata nell'orto con gli studenti, io e Martina Bottoni, laureanda in Scienze Farmaceutiche, ci siamo conosciute.
Martina si  emozionò nel vedere le mie tavole botaniche perchè, così spiegò, vedere disegnato su carta il suo lavoro di ricerca botanica, aveva rafforzato la consapevolezza del valore  dei suoi studi.
Dopo qualche mese ci rincontrammo, Martina spiegava al pubblico la Catha edulis, pianta presente nell'orto, che lei stava studiando per la sua tesi di laurea. Così  decisi di disegnare la Catha a china  proprio per la sua tesi. In orto la pianta presenta solo foglie per cui non è possibile disegnare una tavola botanica completa di tutto ma solo le foglie e la sua forma arbustiva.








giovedì 13 dicembre 2018

XI MOSTRA ARTISTI SIRMIONESI - PALAZZO CALLAS SIRMIONE



Alla XI Mostra  Collettiva Artisti Sirmionesi sono esposte 2 delle 12 tavole lignee che decorano 16 metri del muro  esterno dell’Hotel Olivi a Sirmione.


Lavoro a quattro mani di due artiste amiche:
Renata Barilli e Paola Petrucci
Che hanno riprodotto flora e fauna presente sul territorio sirmionese. Il fondo
delle tavole si ispira al colore della roccia della penisola  di Sirmione.






lunedì 26 novembre 2018

COLORE ? questo sconosciuto


Il colore pur essendo elemento importante nella vita di tutti, è quello che è più difficile da definire con le parole e non solo. Anzi si può dire che abbiamo una scarsità di vocaboli a disposizione per discuterne con precisione. Per esempio si puo' dire:
 un rosso che tende all'arancione o un rosso che tende al viola.
Ma questo è vago !
 perchè quanto arancione? o quanto viola? e se aggiungessi: con qualche accenno di giallo? quale giallo? acido o caldo? oppure mi sembra di vedere che vira al blue, e' possibile?
 e così via............
 Qualche riflessione:
  • vediamo tutti gli stessi colori, gli stessi toni? la stessa saturazione?
  • gli insetti vedono una gamma di colori più estesa di noi per via degli ultravioletti. Forse che abbiamo organi diversi? riguarda i fotoricettori
  • le piante usano il colore per comunicare:il mio polline è pronto, i miei ovuli sono al momento giusto, il mio frutto non è maturo, il mio frutto è maturo ma anche il seme che racchiude......
  • l'intensità della luce rende i colori diversi: provate a guardare un colore in Italia e lo stesso in un paese nordico. Che differenza!!
  • il colore è  solo pigmento?
  • il colore ha a che fare con la temperatura?  si parla di colori caldi e freddi?
  •  il colore  è reale o soggetto all'assorbimento o non assorbimento delle onde luminose?
  • il colore dipende anche da come sono disposte le molecole sulla superfice?
  • il colore ha anche un aspetto sensoriale? intendo dire che a voce potrei definire un colore che sembra morbido come un velluto, secco come una polvere, argenteo come il ghiaccio........
Ci sarebbe molto da approfondire. 
Però debbo dire che descrivere con le parole il colore permette di capirlo di più.
Almeno per me che mi occupo di fiori, piante eccetera.

Per una intesa precisa del colore è stato inventato il PANTONE che attribuisce un numero di riferimento ai colori ( ricorda le vecchie carte dei colori della tinteggiatura dei muri, che mi piacevano molto e che riceverle in regalo dal colorificio era un lusso).
Uno dei più famosi, riguardante la Natura,  è quello di Wermer che lo espose nel libro 

Ho provato ad usare un pantone on line  ma il mezzo rende insicura la classificazione visto che basta una taratura diversa della luce dello schermo per farti impazzire.
Altre soluzioni??
L'acquerello ed altri medium si rifanno al Color Index Generic Name o numero internazionale dei pigmenti usati per fare il colore composto da P  (pigmento) seguito dalla lettera con cui inizia il nome del colore in inglese (es. PV x viola, PB X BLUE, PY x giallo,....)  ed il numero del pigmento
esempio PG18  per il verde viridian.
Se faccio un colore con due pigmenti diversi avrò un colore che varia
dalla quantità dell'uno e dell'altro. Quindi anche questo impreciso.
La conclusione è che non si sa cosa fare.
 Un suggerimento è x noi artisti:
non gettare mai via l'involucro che porta il nome del medium perchè riporta molte altre info come il n.pigmento, la trasparenza, la resistenza nel tempo.

Naturalmente suggerisco anche di guardare  le spiegazioni delle tabelle dei colori della casa produttrice che una volta ti davano quando li acquistavi e che ora devi consultare sul sito.
Dimenticavo esiste anche il RAL  che riguarda le vernici.
Ma a questo punto STOP!
Ora che la confusione è aumentata, non resta che .............approfondire.
Buon lavoro!!!




lunedì 5 novembre 2018

RANDOM SKETCHING - CORSO UNIVERSITA' DEL GARDA ANNO 2017


Durante uno dei corsi tenuti per l'Università del Garda a Desenzano per rendere più unito il gruppo proposi un lavoro sulle foglie a random. L'idea mi era venuta guardando un video di arte botanica che mostra il lavoro di tre famose artiste Jacqui Pestell, Işık Güner and Sharon Tingey, che insieme lavoravano al ritratto
dell'Amorphophallus Titanum a grandezza naturale.  Infiorescenza più grande del mondo, che spero prima o poi di vedere dal vero in qualche orto botanico.
 Notare che fu scoperto per la prima volta da un italiano ( leggere: Esploratori perduti, Storie dimenticate di naturalisti italiani di fine ottocento).
Il video mi è piaciuto molto: 
come si sono alternate al lavoro,
 il clima collaborativo
 ed il magnifico risultato.


Così ispirata, ho invitato le mie allieve a lavorare ad una tavola dove nulla appartenesse a qualcuno!
Esattamente così: chi disegnava poi si spostava sull'altra foglia lì accanto a mettere il colore, poi su un'altra a mettere nervature. Insomma un girare a caso e lavorare.
Questo non possesso del soggetto 
ha sciolto la mano di tutte, portando armonia. Complimenti alle autrici.
L'originale è stato regalato all'Ufficio Cultura del Comune di Desenzano.

Devo dire che lavorare al medesimo soggetto con altre persone è davvero magico.

Presto vi racconterò di un opera  su tavole di legno per un totale di 16 metri lavorato a 4 mani con Paola Petrucci, mia amica artista. 
Era un mio sogno fare come le artiste dell'Amorphallus Titanum.!


martedì 16 ottobre 2018

GLI ALBERI HANNO UN NOME



Quante volte sento dire:
come mi piacerebbe sapere il nome degli  alberi !
ed allora..........perché non imparare???
Vieni al  Paesaggio Garda Festival!!
SALO'  MADONNA DEL RIO  -  Dom. 21 ore 14,30
DESENZANO  PARCO DEL LAGHETTO - Sab. 27 ott. ore 14,30
porta la tua curiosità
ti aspetto